post-title Michal Trpák http://www.gufolab.it/wp-content/uploads/2016/12/JB43b6be_Z_x_MG_1352.jpg 2016-12-26 21:32:08 yes no Inserito da Categorie: Architettura, Arte, Design

Michal Trpák

Inserito da Categorie: Architettura, Arte, Design
Michal Trpák

L’arte nella quotidianità

con Michal Trpák

Colui che opera con le mani è il lavoratore. Colui che opera con le mani e la testa è l’artigiano. Colui che opera e lavora con le mani, la testa e il cuore è artista – Francesco d’Assisi

L’artista Michal Trpák concepisce le sue sculture principalmente come elementi che appartengono e si integrano agli spazi pubblici e alle architetture, è così che l’arte è stata concepita fin dall’antichità. Michal Trpák lavora con tematiche che caratterizzano la nostra società, le sue opere vengono inserite in uno spazio che è reale e appartiene alla quotidianità di tutti noi.

Credo che la scultura sia un punto nello spazio. In una galleria è possibile mettere quasi tutto, essendo uno spazio pulito con pareti bianche… Ma nell’architettura reale e nello spazio pubblico, l’artista deve pensare la scala, l’idea e il modo di installazione e questo è ciò che rende le mie opere più interessanti, in un certo senso sto costruendo una finestra di dialogo tra la mia arte, l’archietettura e le persone.

Facebook.com/m.trpak/

The art in everyday life Michal Trpak

He who works with his hands is a laborer. He who works with his hands and his head is a craftsman. One who works and works with his hands, his head and his heart is an artist – Francis of Assisi

The artist Michal Trpak conceives mainly his sculptures as elements which belong to and are integrated to public spaces and architectures, so that art was conceived since ancient times. Michal Trpak works with themes that characterize our society, his works are placed in a space that is real and belongs to the daily lives of us all.

I believe that the sculpture is a point in space. In a gallery you can put almost anything, being a clean space with white walls … But the real architecture and public space, the artist has to think of the scale, the idea and the way of installation and this is what it makes my most interesting works, in a sense I am building a dialog between my art, archietettura and people.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *